‘Closed’: alla cripta un successo firmato Terrana e Zampella

Scena Closed

Presso la cripta dello Spirito Santo a Torre Annunziata è andato in scena il monologo ‘Closed’, interpretato da Rosalia Terrana con la regia di Eduardo Zampella, ispirato al testo di Enzo Moscato ‘Luparella-ovvero foto di bordello con Nanà’. In apertura di serata l’intervento del regista che ha illustrato come il testo spinga lo spettatore a porgere la propria attenzione su di ogni particolare e a riflettere sulla durezza della realtà.

Si apre il sipario ed entra in scena la Terrana-Nanà, una giovane-vecchissima creatura al servizio ‘minuto’ delle donne di un bordello nella Napoli dell’occupazione nazista del 1943. E poi c’è Luparella (anche essa interpretata dalla Terrana), vecchia prostituta dei casini, consumata dalle malattie e le paure che muore nel dare alla luce, nel bordello spopolato perfino dalle sue “signorine”, un’anonima creatura.

Dopo la morte, la vecchia prostituta viene ancora oltraggiata dalla foga sessuale di un giovane nazista, salito alle stanze del casino, perché in cerca occasionale d’amore. Con Luparella riversa sul letto di morte e il tentativo oltraggioso si chiude lo spettacolo tra gli applausi delle circa 150 persone estasiate dalla profondità del testo e dalla bravura della coppia Terrana-Zampella.