L’aggenda napulitana di Massimiliano Verde: ‘O Nnapulitano nun è ll’Italiano

accademia napulitana

‘O Nnapulitano nun è ll’Italiano, né n’italiano a llengua napulitana e nimmanco ‘na cosa vulgare

Ogge ‘o Nnapulitano e cciuè ‘a lengua ‘e Napule comme è gghiut’annanze d’ ‘o ‘200 ‘nfine a mmo nun è ‘na cosa ‘e niente…ma nun è pparlato né scrìtto comme avesse ‘a èssere.
Chesto pecché ‘nfino a mmo nisciuno ‘o defenneva né ‘o ‘rrecunusceva. Mo però nce sta
ll’Accademmia Napulitana c’ ‘a crìato ‘nu metodo p’ ‘o ‘mparà comm’è stato cu ‘o primmo corzo ‘e lengua e ccultura napulitana ca è stato arrecunusciuto ‘a tutt’ ‘o munno. Ma ll’Accademmia nun fa sulo chesto pecché p’essempio scrìve e ffatica cu ata ggente ca pure ‘sta suffrenno assaje p’ ‘a lengua soja: ‘e valenzziane.
Ll’Accademmia Napulitana prupone picciò a’ città ‘e Napule e a’ Riggiona Campania ‘e fà scola cu ‘sti corze ‘e Napulitano pe ssarvà ‘sta lengua. Tiempo nun nce ne sta cchiù…si perdìmmo ‘a lengua perdìmmo ll’anema!

Il Napoletano non è l’Italiano, né un Italiano regionale né qualcosa di volgare.
Già. Ma cos’è il Napoletano oggi?

Il Napoletano oggi, ovvero il patrimonio linguistico della città di Napoli così come si è evoluto almeno dal ‘200 ad oggi….è qualcosa di molto complesso, non parlato né ancor peggio, scritto correttamente. Ciò accade perché finora non era tutelato, né riconosciuto, né promosso. Oggi però esiste un organismo scientifico di tutela ed insegnamento del Napoletano e della Cultura che il Napoletano ha espresso nel corso dei secoli: l’Accademia Napoletana. L’Accademia Napletana si è attivata con la realizzazione di un metodo che ha consentito la realizzazione del primo corso di lingua e cultura napoletana, riconosciuto dal Comune di Napoli e da enti e personalità accademiche internazionali. L’Accademia fa molto altro, in Italia ed all’estero, comprese pubblicazioni in Napoletano e Valenciano. Perché anche il Valenziano soffre di problemi non dissimili….

L’Accademia Napoletana offre alla città di Napoli ed alla Regione Campania il proprio lavoro di formazione per non perdere questo straordinario patrimonio linguistico, culturale ed artistico oggi molto degradato e vilipeso. Si propone quindi di attivare progetti didattici e formativi nelle scuole di Napoli e della Regione Campania, secondo il metodo ed il lavoro per l’insegnamento del Napoletano già riconosciuti internazionalmente. Non c’è molto tempo da perdere…per non perdere la nostra storia e la nostra identità….

*Presidente Notre Napule ‘a Visionaire
*Presidente Accademia Napoletana